Federazione Coldiretti Liguria

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata


L' “Associazione Nazionale della Pesca e dell’Acquacoltura” è un’organizzazione sindacale di rappresentanza delle imprese che operano nel settore della pesca e dell’acquacoltura. È stata costituita quale libera organizzazione di categoria senza finalità di lucro per rappresentare, tutelare e difendere – su base locale, regionale, nazionale, europea e internazionale – gli interessi dei produttori ittici quali imprese del settore ittico, singole e associate, anche in forma di consorzi tra produttori della pesca, ed inoltre tra produttori dell’acquacoltura operanti sia nelle aree marine, che nelle aree e zone con acque salmastre e dolci. Possono associarsi anche le aziende di commercializzazione primaria gestite dai produttori sia come mercati ittici alla produzione che come stabilimenti a norma CE per la raccolta, stoccaggio e lavorazione dei prodotti ittici nazionali. 
Direttamente in contatto il produttore e con il consumatore finale – ha attivato e sta sviluppando una vera e propria campagna di educazione al consumo e di commercializzazione in filiera corta (a “chilometri-zero”), che accomuna nei vantaggi sia il mondo della produzione (maggiore reddito) che del consumo (prezzi più bassi e qualità garantita).

Impresa Pesca intende quindi sviluppare un’analoga strategia da mettere in campo nel settore della pesca e dell’acquacoltura, che ha bisogno di una più equilibrata ridistribuzione del reddito, di una maggiore valorizzazione del prodotto e di migliorare e consolidare il rapporto con i consumatori. Per questo motivo Impresa Pesca nell’adesione a Coldiretti ha trovato il contenitore culturale e l’alleato la cui vicinanza di valori e di obiettivi avrebbe facilitato lo sviluppo e la realizzazione di una strategia per il proprio settore.

Impresa Pesca potrà così finalmente iniziare, in modo sistematico e con un profilo alto, quel percorso di iniziative e di progetti che ancora mancano per acquisire lo status e l’importanza di cui oggi gode l’agricoltura e che in egual misura merita il settore ittico